Chi siamo

La storia

IMG_1911

Durante il XII Convegno Nazionale sul Comportamentismo nel 1992 a Siena, il prof. Virgilio Lazzeroni, decano della ricerca sul Comportamentismo italiano, ebbe a salutare e a incoraggiare, conversando con Mariano e altri colleghi, la nascita di un team varesino dedicato allo sviluppo della psicologia cognitiva coniugata a quella comportamentale.

Sarà nel 1994 che gli autori fondatori del progetto degli Studi Riuniti di Psicologia Applicata di Varese si affermano nell’ambito culturale della psicologia del comportamento. Alla fine di quell’anno, infatti, sono entrambi invitati al II Convegno Internazionale sul Comportamentismo a Palermo dove presentano uno studio durato più di un anno e mezzo relativo all’autogestione del comportamento emotivo in genitori di pazienti psichiatrici.

Nel 2013 la sistemazione diventa quella attuale comprendente l’attuale sede in v Cavour, con due soci titolari, il dr. Massimo Mariano e la dr.ssa Tatiana Torti, psicologi e psicoterapeuti, coadiuvati da alcuni collaboratori.

L’Impegno

IMG_0029

Il Progetto di Psicologia Applicata Varesina cresce attraverso il confronto promosso dai fondatori con colleghi interni ed esterni al gruppo e altri specialisti delle relazioni terapeutiche, come medici psichiatri, pedagogisti, educatori professionali, animatori, infermieri professionali, assistenti sociali. La tensione comune è quella di volere costituire il versante applicativo di nuove teorie e modelli elaborati e costantemente affinati nell’ambito della c.d. psicologia sperimentale.

Dal punto di vista tecnico l’impegno è rivolto all’individuazione di ciò che concorre a determinare e modificare il comportamento secondo gerarchie di relazioni tra fattori analizzate con cura (assessment). Le applicazioni si dirigono a programmi di prevenzione del disagio, alla cura dei disturbi della condotta e di quelli dell’apprendimento, alle difficoltà di relazione e dell’adattamento, agli esiti da stress. Operativamente si studiano e verificano procedure di trattamento basate su schemi di risposta antagonistici all’ansia, su ingaggi mentali capaci di promuovere autoregolazioni del tono dell’umore e su specifici  set formativi centrati sul livello metacognitivo del processo della conoscenza individuale.

Lo studio della psicologia cognitiva comportamentale si basa sull’applicazione di teorie, modelli e protocolli di trattamento elaborati nell’ambito della psicologia sperimentale, la cui efficacia è dimostrata dall’attuale letteratura scientifica internazionale (evidence-based) e dichiarata come trattamento di elezione dalle linee guida mondiali per il trattamento di numerosi disturbi mentali  e dagli istituti di eccellenza per la salute mentale (National Institute for health and Care Exellence  – www.nice.org.uk).

Le proposte

Presso  il Centro di Psicologia del Comportamento di Varese gli interessati, siano essi singoli, coppie, nuclei familiari, gruppi, associazioni  ecc., hanno la possibilità di avere risposte ad alta specializzazione e, in accordo con le priorità individuate assieme ai terapeuti, di essere avviati anche a progetti e iniziative complementari.

La presa in carico infatti riguarda una responsabilità privata, complessa e collegata a gerarchie di obiettivi. La disciplina della presa in carico prevede, prima dell’attivazione del trattamento vero e proprio, una fase di studio e analisi della situazione-problema o domanda (assessment) indispensabile per addivenire ad una ipotesi verosimile, rappresentativa di come difficoltà, disagi, disorganizzazioni, frustrazioni, ecc., si perpetuino ovvero si continuino a riprodurre nonostante intenzioni, sforzi e aspettative contrarie.

Nel contratto terapeutico saranno compresi anche degli oneri economici che non rappresenteranno una variabile indipendente, arbitraria o incongrua rispetto al profilo del richiedente e all’assetto complessivo dell’intervento richiesto.

IMG_0026

Interventi

Psicoterapia

La Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale è considerata a livello internazionale uno dei più affidabili ed efficaci modelli per la comprensione ed il trattamento dei disturbi psicopatologici.

Rilassamento

Il Training Autogeno, una delle più importanti e attuali tecniche di rilassamento, messa a punto dal medico J.H.Schultz intorno ai primi anni del XX secolo, che permette di modificare situazioni somatiche e psichiche.

Training sociale

Dalle relazioni con i famigliari a quelle sentimentali, dalle amicizie ai rapporti lavorativi, le nostre vite si sviluppano all’interno di un contesto fitto di relazioni sociali.